itenfrdees

L'intervallo

Leonardo Di Costanzo

L'intervallo


Sinossi


Un ragazzo, una ragazza rinchiusi in un enorme edificio abbandonato di un quartiere popolare. L’uno deve sorvegliare l’altra. Lei è la prigioniera, lui è obbligato dal capoclan di zona a fare da carceriere. Malgrado la giovane età, ambedue sono troppo cresciuti. Veronica si comporta da donna matura e spregiudicata, Salvatore da ometto che deve badare al lavoro e alla tranquillità. Così, di fronte alla violenza di quella reclusione, i due giovani hanno reazioni diverse: Veronica scalpita e si ribella; Salvatore è più remissivo e accomodante, non si sa se per paura o per realismo. Sono entrambe vittime ma è come se ognuno desse la colpa all’altro della propria reclusione. Col passare delle ore, però, l’ostilità tra i due si trasforma in un’inevitabile intimità, fatta di scoperte e di confessioni reciproche. Tra le mura di quel luogo isolato e spaventoso, Veronica e Salvatore trovano il modo di riaccendere i sogni e le suggestioni di un’adolescenza messa troppo in fretta da parte. I due ragazzi vivono così un improvviso intervallo dalle loro esistenze precocemente adulte, tentati alla fine di trasformare quella fuga fantastica in una vera evasione prima che la banda venga a presentare a Veronica il proprio verdetto.

Biofilmografia del regista


Regista, documentarista. Nasce ad Ischia nel 1958. Si laurea all'Istituto Orientale di Napoli e si trasferisce a Parigi dove frequenta i seminari di regia degli Ateliers Varan. Lavora per la Televisione francese e realizza vari documentari. Nel 1991 partecipa all'opera collettiva "Premières Vues" con il corto "In nome del Papa". Entrato a far parte dell'equipe pedagogica degli Ateliers, nel 1994 insieme al regista cambogiano Rithy Panh fonda a Phnom Penh, in Cambogia, un centro di formazione per documentaristi. Nel 2000 crea un Atelier Varan all'Università di Bogotà. Ha diretto "Prove di Stato" (1998), sulla determinazione di Luisa Bossa, ex-preside di liceo, eletta sindaco di Ercolano nel 1995, dopo Mani Pulite. Nel 2003 con una troupe minima riprende un intero anno scolastico in una scuola di un rione periferico a Napoli reqalizzando "A scuola" che è presentato alla Mostra di Venezia. Nel 2006 con "Odessa" vince insieme al corealizzatore Bruno Oliviero il premio per la miglior regia alla quinta edizione dell'Infinity Festiival di Alba nella sezione 'Uno sguardo nuovo'. Nel 2007 su proposta di Agostino Ferrente e Mario Tronco, gli ideatori dell'Orchestra di Piazza Vittorio, il complesso multietnico nato a Roma nel quartiere Esquilino, ha realizzato uno dei documentari dedicato ai musicisti. Lui si è occupato di Houcine, seguendolo nella sua terra d'origine, la Tunisia, in "L'Orchestra di Piazza Vittorio: I diari del Ritorno".


Dettagli

  • Regia:

    Leonardo Di Costanzo
  • Fotografia:

    Luca Bigazzi
  • Montaggio:

    Carlotta Cristiani
  • Musiche:

    Marco Cappelli
  • Produzione:

    Tempesta, Amka Films Productions, Rai Cinema
  • Sceneggiatura:

    Mariangela Barbanente, Maurizio Braucci, Leonardo di Costanzo
  • Scenografia:

    Luca Servino
  • Distribuzione:

    Istituto Luce-Cinecittà
  • Durata:

    86 Min.
  • Anno di uscita:

    2012
  • Lingua:

    Italiano
  • Cast

    Francesca Riso, Alessio Gallo, Antonio Buil Puejo, Carmine Paternoster, Salvatore Ruocco.

Location Correlate

Associazione Art Movie & Music
Via Luigi Mazzella 51, Ischia, 80077 (NA)
Tel. 081 18166810


Copyright © Art Movie & Music 2022 Tutti i diritti riservati.

Sostenuto da: