Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

La Campania dei Festival alla BIT di Milano

Posted in Festival history - Ninth edition 2011

There are no translations available.

dsc_0018 low_s

Annoverati tra le eccellenze della Regione Campania, il Festival di Giffoni, l’Ischia Film Festival ed il Festival delle Ville Vesuviane hanno rappresentato la cultura “made in Campania” alla Borsa Internazionale del Turismo, evento che dal 17 al 20 Febbraio 2011 ha mostrato tre manifestazioni accomunate da un’unità d’intenti e una vicinanza che certamente non destano stupore.

DSC_0013-low-sFare sistema. È questo, infatti, uno dei tanti obiettivi che spontaneamente sono emersi dalle conferenze svoltesi nel grande stand della Regione Campania. Lo ha sottolineato Claudio Gubitosi (nella foto accanto a Michelangelo Messina, direttore dell’Ischia Film Festival, ndr) e lo ha ribadito anche il Prof. Roberto Provenzano, esperto di cineturismo e membro dell’osservatorio permanente dell’Ischia Film Festival che da anni studia il fenomeno di marketing territoriale internazionalmente definito come movie induced tourism.
Proprio facendo leva su questa unità d’intenti, Michelangelo Messina ha ringraziato i colleghi presenti alla conferenza dichiarandosi, in quanto direttore di un evento molto più giovane, un loro “fratello minore”. Il direttore dell’Ischia Film Festival ha sottolineato inoltre come i risultati di un’idea vincente, come fu 44 anni fa Giffoni, non possono fare che da traino per altri eventi campani, in particolar modo quando, come per il festival ischitano con il cineturismo, hanno un tema unico che può rappresentare un volano per il successo presente e futuro.
La Bit di Milano si è dimostrata dunque un appuntamento importante per le tre manifestazioni campane. Appuntamento in cui si è sottolineata l’importanza di Festival di spessore, da considerare non solo come parte dell’offerta turistico-culturale di un territorio, ma anche e soprattutto come fonte d i vantaggi economici per il luogo in cui insistono. È comprovato, infatti, che investire in cultura cinematografica significa anche investire sull'economia del territorio: per ciascun euro investito in una manifestazione audiovisiva la ricaduta sul territorio di competenza - sia sui festival, sia sulla vita del prodotto filmico presentato - è almeno cinque volte superiore.
DSC_0021-lows2Proprio le due kermesse cinematografiche e il Festival delle Ville Vesuviane fanno parte, riprendendo le dichiarazioni dell’assessore De Mita, di quelle «realtà culturali e imprenditoriali che rappresentano il fiore all'occhiello per il territorio campano». Manifestazioni che, inoltre, pensano ai giovani contribuendo alla loro formazione attraverso una partecipazione diretta (come è il caso di Giffoni), ma anche tramite progetti di formazione (come è stato per l’Ischia Film Festival) e, in quanto luoghi di approfondimento degli studi seguiti, attraverso percorsi di stage realizzati in accordo con i più prestigiosi atenei.

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com